“Il tumore è inoperabile”. La moglie non si arrende e Flavio viene salvato a Udine

L’operaio è stato operato e ora sta bene. La moglie: “Non volevo credere che non ci fosse davvero più niente da fare. Mi definirono una ‘spregiudicata’”

Per Flavio Angelinetta sembravano non esserci speranze. All’operaio residente a Dongo, sul lago di Como, era stato diagnosticato un tumore al fegato, definito “inoperabile” dai medici di Milano. Per i dottori, restavano a sua disposizione solo tre mesi di vita. Da allora di mesi ne son trascorsi nove e Flavio è ancora vivo. Grazie alla caparbietà della moglie, che non si è arresa alla prima diagnosi, e ai medici dell’ospedale “Santa Maria della Misericordia” di Udine, che hanno operato “l’inoperabile”, salvando Flavio….Continua su Huffingtonpost>>

“…IMMAGINATE COSA POTREMMO FARE INSIEME!”

CRACKING CANCER FORUM prospettive e impatti della lotta al cancro. Confronto Nazionale 9,10 maggio – Firenze.

Partecipate! >> https://lnkd.in/g6xAZUk  

Informazioni>>www.crackingcancer.it

2019-03-11T17:23:22+00:00