Sviluppato un trattamento che trasforma i tumori in fabbriche di vaccini contro il cancro

I ricercatori del Monte Sinai Hospital di NY hanno sviluppato un nuovo approccio all’immunoterapia del cancro, iniettando immuno-stimolanti direttamente in un tumore per insegnare al sistema immunitario a distruggerlo e distruggere le altre cellule tumorali in tutto il corpo.

La “vaccinazione in situ” ha funzionato così bene nei pazienti con linfoma in stadio avanzato che è anche in fase di sperimentazione in pazienti con cancro al seno e alla testa e al collo, secondo uno studio pubblicato su Nature Medicine ad aprile.

Il trattamento consiste nel somministrare una serie di immunostimolanti direttamente in un sito tumorale. Il primo stimolante recluta importanti cellule immunitarie chiamate cellule dendritiche che si comportano come i generali dell’esercito immune. Il secondo stimolante attiva le cellule dendritiche, che istruiscono le cellule T, i soldati del sistema immunitario, ad uccidere le cellule tumorali ea risparmiare cellule non tumorali. Questo esercito immune impara a riconoscere le caratteristiche delle cellule tumorali in modo che possa cercarle e distruggerle in tutto il corpo, trasformando essenzialmente il tumore in una fabbrica di vaccini contro il cancro.

“L’approccio del vaccino in situ ha vaste implicazioni per diversi tipi di cancro”, ha detto l’autore principale Joshua Brody, MD, direttore del programma di immunoterapia linfoma presso il Tisch Cancer Institute presso l’Icahn School of Medicine del Monte Sinai. “Questo metodo potrebbe anche aumentare il successo di altre immunoterapie come il blocco dei checkpoint”.

Dopo aver testato il vaccino per linfoma in laboratorio, è stato testato in 11 pazienti in uno studio clinico. Alcuni pazienti hanno avuto remissione completa da mesi ad anni. Nei test di laboratorio sui topi, il vaccino ha aumentato drasticamente il successo dell’immunoterapia con blocco del checkpoint, il tipo di immunoterapia responsabile della remissione completa del cancro dell’ex presidente Jimmy Carter e l’obiettivo del Premio Nobel per la Medicina 2018.

Uno studio clinico per pazienti affetti da linfoma, mammella e pazienti con tumore della testa e del collo è stato aperto a marzo per testare il vaccino con farmaci anti-blocco. Poiché la terapia immunitaria combinata era almeno tre volte più potente del blocco del checkpoint o del vaccino da sola, i ricercatori sono estremamente ottimisti sull’efficacia di questo nei pazienti in questo nuovo studio. Il vaccino in situ viene anche testato in laboratorio nel carcinoma epatico e ovarico.

“…IMMAGINATE COSA POTREMMO FARE INSIEME!”

CRACKING CANCER FORUM prospettive e impatti della lotta al cancro. Confronto Nazionale 9,10 maggio – Firenze.

Partecipate! >> https://lnkd.in/g6xAZUk  

2019-04-09T20:31:57+00:00