A cinque anni un neuroblastoma mi ha reso (in parte) cieca. Da allora è stato un percorso in salita, ma l’ho superato a testa alta e mi sono anche laureata con il massimo dei voti

Mi chiamo F., sono nata un venerdì sera, alle 19.30, era il 1 giugno, e meno male, penso sempre, altrimenti avrei dovuto condividere la mia festa con la Repubblica Italiana… Non che mi sarebbe dispiaciuto, ma sono abbastanza gelosa delle mie cose! Sono nata, come dire, «normale», termine che detesto, ma così si definisce chi ha tutti e 5 i sensi a posto e si tiene eretto su due gambe. La mia diversità è subentrata nel 1995 con l’arrivo di un neuroblastoma, un tumore benigno al cervelletto che ha lesionato il nervo ottico. Avevo cinque anni, i miei genitori erano molto giovani, non oso immaginare quanto deve essere stato doloroso per loro… Io ero una bambina, diciamo che prendevo tutto come un gioco, anche il fatto di colorare gli album da disegno fuori dai «bordi» delle figure… un po’ meno il fatto che, dopo l’operazione, non riuscivo più a camminare da sola né riuscivo a stare seduta dovevano sostenermi….Continua su Il Corriere>>

_____

“…IMMAGINATE COSA POTREMMO FARE INSIEME!”
CRACKING CANCER FORUM prospettive e impatti della lotta al cancro 9,10 maggio – Firenze
Una straordinaria occasione di partecipazione per Tutti 
Iscrivetevi e partecipate liberamente! >> https://lnkd.in/g6xAZUk  
Informazioni>>www.crackingcancer.it
_____

2019-04-30T16:38:24+00:00